Marmitte dei Giganti
Il Parco delle Marmitte dei Giganti è un' affascinante area naturalistica a ridosso dell'abitato di Chiavenna ed conosciuto ed apprezzato sia per  le sue rocce modellate dall'erosione glaciale che per altre lavorazioni apportate dalla mano dell'uomo e dovute all'estrazione della pietra ollare, attività molto in voga intorno al XVI secolo. Per questi motivi si tratta di un ambiente di assoluto rispetto dove però anche il climber ha saputo trovare i suoi spazi, un'abitudine che si è rivitalizzata negli anni più recenti.
Alle storiche falesie di Poiatengo, Uschione, Valcondria, si sono aggiunte altre pareti, ma considerato che ci si trovano tutte all'interno del Parco, in alcuni di queste si è pensato di adottare una sorta di autoregolamentazione abolendo l'uso delle protezioni fisse. Così facendo è stato favorito lo sviluppo dell'arrampicata trad oppure ci si  può limitare a salire top rope alcune di queste linee d'arrampicata molto belle. L'intero comprensorio risulta molto adatto al bouldering ed infine, allargando la panoramica sui diversi stili di arrampicata, sono state attrezzate rocce con arrampicate facili e indicate ai principianti o ai bambini. Il paesaggio è sempre piacevole e la dislocazione in ordine sparso dei siti di arrampicata offre un'occasione singolare per conoscere ed apprezzare le bellezze naturali del Parco.

 - La ciclabile
- Paretina dell'amico Fritz
- Poiatengo
- Il Giardinetto
- Placca del Prato Grande
- Sasso Dragone


 - Il Canyon
- Sass'Ombroso

- Rock Stadium
- Uschione
- Valcondria/Tanno
(non incluse nel disegno)

     1 - PLACCA DEL PRATO GRANDE
     100 m  5c+          


8

1x50m

super

Dopo due tiri più facili e inframmezzati dalla vegetazione, la via si riscatta con una bellissima placca. Dall'ometto della cima, ottimo punto panoramico, si ritorna alla base per comodo sentiero.

Accesso: dal campeggio a piedi o meglio in bici lungo la pista ciclabile in direzione di Chiavenna (1km). Oppure parcheggiare l'auto vicino al cimitero di Prosto.  Subito dopo aver attraversato il ponte di legno sul fiume Mera, si sale per sentiero alla base della parete (1 minuto dalla pista ciclabile).


La Ciclabile

Falesia interessante e fresca, ideale in estate. Offre una scelta assortita di itinerari, comprese varie vie facili, su bella roccia che può però risultare bagnata in periodi poco asciutti.
Accesso molto comodo: a piedi o in bicicletta come per la Paretina dell'Amico Fritz, continuare ancora per 300 m. lungo la pista ciclabile fino alla galleria.
 
  


14

1x70m

super
 (clicca per ingrandire)
 
1  Nulla è scontato    6b
2  Tortura cinese       6b+
3  Tommy Bryant      5a
4  Asolan                  5a
5  Peter                    5a
6  Vialetto              5a    
7  Camy Kite          6b
8  Paul steel            5c
9  Frullatore            7c
10 Moscardino       5c  
  11 Demoralizzatore   6b
12 Non ingannare..    6b+
13   Margherita      6c+
14   Orsina             7a+
15   Maddalena      7a
16   Anna               6a             
17   Situ. eoliche      6c
18   Malleus M.      6b
19   Polena             6b+
20   Violante           6b+
21   Francesca        6b+
22   Maria Pedralta 6c+
23   Angiolina          6c  
24   Caterina           5b /6a+
25   Zuanina            5b
26   Pomat              5a
27   Marcon            7b 

versione stampabile PDF
 
 

Rock Stadium -------------------
Grande parete scura ed impressionante, in costante strapiombo. Alla sua base sono stati tracciati vari monotiri, ma finora nessun itinerario saliva fino alla sommità del settore centrale.

La nuova via "Alba Chiara" è stata aperta dal basso, con vari passi in artificiale, e si può salire all free (non ancora salita R.P.).
La roccia richiede cautela!
Potrà migliorare dopo alcune ripetizioni.

Molta attenzione nella discesa che si effettua con 4 calate nel vuoto da 30m.
Necessario rinviare alla calata di L3.  
Accesso:
a Chiavenna, via Picchi, parcheggiare al cimitero, contornare le sue mura e passare alle spalle del Centro Sportivo (piscina, pattinaggio).  Imboccare la mulattiera a svolte che in alto si dirige verso la parete (10 min. - attenzione a non oltrepassare aree private).






 
Uschione

Though you have to walk at least 40 min. to get there, climbing is beautiful and place fine. The wall is as flat as a blackboard and the routes are looking similar one to the next, but climbing is tricky and demanding. Fortunately the state of the equipment has been recently revised with new belay and first bolts have been added considering the base scattered of boulders also.

Approach: from Chiavenna Cimitery parking, around its wall entering Marmitte dei Giganti Park. After 10min. (Prato Grande) turn to right hand side and up to Belmonte (Roccolo) encountering a flat path. Go on directly (cairns) following a good track and then leave it  at the base of a slab to go to the right  and up through boulders (cairns) till to the base of the wall .

On the pictures: W la mamma 6b and view on the entire wall with a climber on Che casino 6c+ (below)